Adobe converte Creative Suite in Creative Cloud

Adobe converte Creative Suite in Creative Cloud

Sapevamo che Adobe avrebbe basato maggiormente le sue nuove funzionalità sul cloud per le sue popolari applicazioni e servizi della Creative Suite with Creative Cloud. Ma l’azienda sembra aver fatto un cambiamento drammatico, poiché oggi ha sganciato una grande bomba alla sua conferenza MAX di Los Angeles: Adobe si sta allontanando dal suo software desktop Creative Suite per spostare tutti gli utenti in un’unica offerta Creative Cloud.
Per gli utenti, ciò significa che non sarà più possibile acquistare o aggiornare alle nuove versioni della Creative Suite di Adobe come Photoshop, InDesign, Illustrator, Dreamweaver o Premiere Pro, e dovranno invece pagare un canone mensile di abbonamento per le applicazioni e gli aggiornamenti. Non avrete scelta se volete utilizzare le ultime funzionalità offerte da Adobe.

Per chi non lo conoscesse, Adobe Creative Suite è un insieme di software di progettazione di qualità professionale per la stampa, il web e il video, attualmente alla sesta versione – CS6. Gli utenti possono acquistare una suite completa di software o acquistarli singolarmente, ma le nuove versioni tendono ad essere costose, anche con sconti per gli aggiornamenti e le edizioni per studenti.
Adobe aveva già abbandonato la versione in scatola a favore del download online. Creative Cloud è stata lanciata lo scorso aprile e, secondo Adobe, ha già mezzo milione di utenti. Con Creative Cloud, gli utenti devono pagare 61 euro al mese, e 37 euro al mese per il primo anno se hanno un numero di serie per CS3 e versioni successive. Ci sono anche prezzi speciali per più utenti (“Pacchetti Team”) e per tutti coloro che lavorano nel campo dell’istruzione, siano essi studenti o insegnanti.
Secondo The Next Web, Adobe CS6 avrà ancora il supporto, ma questo sarà solo per le correzioni di bug e la compatibilità del sistema operativo. Per le nuove funzionalità, è necessario avere la testa tra le nuvole.

Tuttavia, le applicazioni stesse rimarranno le stesse in termini di design e di utilizzo, ma saranno suffissi con CC invece di CS come in precedenza. Inoltre, Adobe ha creato nuovi aggiornamenti che saranno disponibili solo per gli utenti di Creative Cloud. Photoshop ha il più grande aggiornamento, combinando sia Adobe Photoshop che Photoshop Extended in un’unica applicazione. Quest’ultimo implementerà anche la Camera Shake Reduction, che è stata dimostrata il mese scorso, consentendo agli utenti di rimuovere la sfocatura da un’immagine dopo che questa è stata scattata con la camera shake. Il Product Manager di Photoshop Zorana Gee ha detto nel suo annuncio che lo strumento funziona molto bene su foto scattate in condizioni di scarsa illuminazione o con tempi di posa lenti.

Altre novità di Photoshop includono un nuovo strumento di nitidezza intelligente per ridurre il rumore dell’immagine, unpennello curativo avanzato e la possibilità per gli utenti di visualizzare i file direttamente dal social network Behance, una comunità creativa online che Adobe ha acquisito l’anno scorso.
Per chi è interessato a saperne di più su tutte le modifiche apportate, comprese quelle per Illustrator, InDesign, Dreamweaver, Premiere Pro, TypeKit e altro ancora, clicca qui. Queste nuove versioni saranno lanciate il 17 giugno!

Come sottolinea The Next Web, ci sono alcune ragioni per cui Adobe ha deciso di concentrarsi esclusivamente sul cloud. La prima è che l’azienda ha cercato di avere ricavi stabili: convincere gli utenti a migrare definitivamente verso le nuove, costosissime versioni è una vera sfida. L’altro è quello di combattere la pirateria, dato che il software Adobe è uno dei programmi più popolari da copiare.
Con Creative Cloud, Adobe dovrà spendere meno per il software di gestione dei diritti digitali (DRM) per autenticarsi.
D’altra parte, questa mossa potrebbe avere reazioni avverse da parte degli utenti, soprattutto quelli che hanno investito molto nelle suite o che non hanno un facile accesso alle piattaforme di cloud computing. Inoltre, con la prevista scomparsa dei fuochi d’artificio, alcuni semplicemente non capiscono la decisione di Adobe?

I vantaggi che includono un significativo risparmio sui costi e la possibilità di accedere al software e ai file da qualsiasi luogo con la collaborazione del team avranno l’ultima parola? Ci vediamo tra qualche settimana o addirittura tra qualche mese per la risposta.

Qual è la sua posizione su questo cambiamento? Siete nostalgici delle versioni in scatola o siete soddisfatti del passaggio a una piattaforma centralizzata nel cloud?

Categoria: Web

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto